PLAYMAKERPRODUZIONI

PRODUZIONI

FILIPPO DALLE MILLE TESTE
30min - DV - 2008
Scritto e diretto: Laura Schimmenti
Direttore della fotografia: Cristian Alberini
Musiche: Antonio Lo Iacono
Direttrice di produzione: Chiara Scardamaglia

TESTIMONIANZE
Roberto Di Liberti, Gillo Dorfless, Gaspare Falautano, Francesco Lo Bue, Giuseppe Quatriglio, Lucienne Peiry, Gaetano Rizzo Nervo, Franco Svedese, Primo Veneroso.

SINOSSI
A Sciacca, nel misterioso "Giardino Incantato", migliaia di teste scolpite nella pietra testimoniano l'opera dimenticata di Filippo Bentivegna, un uomo in perenne bilico tra arte e follia. Il film documentario ne ripercorre la figura svelando il fascino delle creature scultore del gardino e indagando l'origine e la natura del pathos che le ha generate. Fotografie, vecchie pellicole ed immagini di repertorio, ci riportano all'epoca della sua attività mentre le testimonianze dei compaesani che lo hanno conosciuto e dei critici d'arte che lo hanno studiato, ci forniscono molteplici interpretazioni sul "personaggio" Bentivegna. "Filippo de li testi", come solevano chiamarlo gli abitanti della cittadina marinara, ha umili origini. Ai primi del novecento la sua vita viene fortemente condizionata dall'emigrazione negli Stati Uniti e da un misterioso trauma giovanile. Al ritorno nella città natale comincia a scolpire incessantemente, instaurando un rapporto ancestrale e patologico con la "madreterra". Dopo la sua morte i critici d'arte lo hanno riconosciuto come uno dei maggiori esponenti dell'Art Brut, "l'Arte che si ignora, che non conosce il proprio nome, prodotta dall'ebrezza creativa senza alcuna destinazione".

FESTIVAL
Arcipelago Film Festival 2009
- Roma
Festival Internazionale del Cinema di Frontiera 2008 - Marzamemi (SR)
Sciacca FIlm Festival 2008 - Sciacca (AG)
Il vento del Nord nel profondo Sud 2011 - Lampedusa
Banditi dell'arte font leur cinema - Paris

RITRATTI D'ARTISTA
Filippo dalle mille teste di Laura Schimmenti
Il Principe Puparo di Andrea Zulini
Lucio Piccolo - Mondo Lirico di Marco Battaglia
Sperduti nel buio di Gianluca Donati